SECONDO CONCERTO

Il ‘Secondoconcerto per orchestra’, composto nel 1962, é articolato in tretempi senza soluzione di continuità: un ‘allegro non troppo, madeciso’, un ‘lento non troppo’ e un ’liberamentemosso’. L'andamento dei tre tempi si svolge attraverso frequentimutazioni di ritmi e di atteggiamenti per cui ne deriva uno stretto legameconsequenziale tra i movimenti.

L'organicodell'orchestra é quello usuale, in cui rivestono una certa importanzagli strumenti a percussione. Lo stile musicale non è legato ad unaformula predeterminata pur potendosi considerare prevalentemente atonale.

Questo lavoro siricollega meglio, nello spirito, all'opera ‘Diagramma Circolare’che non al più recente ‘Concerto primo’ per orchestra.

Prima Esecuzione:Stagione Sinfonica Torino,1963

Direttore:Massimo Freccia